Home > Costume > Cittadinanza attiva, coinvolti 435 richiedenti asilo

Cittadinanza attiva, coinvolti 435 richiedenti asilo

Sono stati ben 435 i richiedenti asilo che, nel corso dello scorso anno, hanno volontariamente prestato attività attraverso progetti di cittadinanza attiva in 32 dei 42 comuni reggiani: dalla cura del verde e del patrimonio pubblico alla manutenzione di impianti sportivi, dalla gestione dei rifiuti alle biblioteche. Il bilancio, decisamente positivo considerando che attualmente sono poco più di 1.600 i profughi ospitati nel Reggiano, è stato tracciato questa mattina in Provincia dal presidente Giammaria Manghi insieme all’assessore alla Città interculturale del Comune di Reggio Emilia Serena Foracchia ed ai presidenti di Auser e Dimora d’Abramo, Sandro Morandi e Luigi Codeluppi.

ManghiForacchiaProprio in Provincia, poco meno di un anno fa, con il coordinamento della Prefettura era stato infatti avviato con Auser e Dimora d’Abramo un lavoro che ha poi portato alla stesura del Protocollo che ha reso possibile l’attivazione di gran parte dei progetti di cittadinanza attiva svoltisi nel corso del 2017. “Per coerenza rispetto agli impegni presi, ed anche per il valore dei risultati ottenuti da un sistema che ha messo in campo oltre 400 persone, abbiamo ritenuto dunque doveroso dar conto del lavoro svolto, in particolare alla vigilia di appuntamento importante come il Forum sull’immigrazione che mercoledì e giovedì offrirà un momento di confronto di pensiero maturo e serio sul tema dell’accoglienza”, ha esordito il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi.

“Due,  in particolare, gli obiettivi che ci eravamo dati – ha aggiunto il presidente della Provincia –  Rendere più omogenea la distribuzione territoriale dei richiedenti asilo, perché la solidarietà deve essere diffusa nel territorio, e in questo abbiamo progredito di molto come dimostrano i ben 32 comuni stabilmente coinvolti nei progetti di cittadinanza attiva.  Secondo, accompagnare questa accoglienza con attività di cui potessero beneficiare le singole comunità, ma soprattutto gli stessi richiedenti asilo, per poter dare compimento alla propria dimensione umana: permettendo loro, nel caso non trovino lavoro, di rendersi comunque utili e dare il senso della restituzione di quanto una persona riceve nel momento della accoglienza”.

L’assessore alla Città interculturale Serena Foracchia ha quindi illustrato la corposa attività realizzata dal Comune di Reggio Emilia, che da solo ha coinvolto 148 richiedenti asilo “in una attività di inserimento basata su tre cardini: il volontariato, inteso come sentirsi parte di una comunità;  la conoscenza della lingua italiana, perché solo se si è padroni del mezzo di comunicazione si può prendere parte alla vita cittadina; i  tirocini previsti dal progetto Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, che nel corso dei 2017 hanno coinvolto 82 persone”.

ProfughiBorettoParticolarmente significativi anche i dati relativi all’insegnamento della lingua italiana: “La rete Diritto di parola ha accolto ben 3.700 persone per oltre 24.000 ore di lezione, quasi interamente garantite sempre attraverso il volontariato”, ha sottolineato l’assessore Foracchia.

Il presidente di Auser, Sandro Morandi, ha ricordato come “lo scorso febbraio, quando proprio in questa sala iniziammo a ragionare sui progetti di cittadinanza attiva per i richiedenti asilo, timori e perplessità non mancassero, ma ora possiamo affermare che l’esperienza avviata è veramente molto bella ed importante non solo perché creano valore per le comunità, ma soprattutto perché accrescono le relazioni tra le persone”.

“Soddisfazione per lavoro svolto insieme a istituzioni e amministrazioni locali” è stata infine espressa dal presidente della Dimora d’Abramo, Luigi Codeluppi: “Se si prova a lavorare come comunità ognuno è più sostenuto e incoraggiato a fare la propria parte: servono tempo e impegno, ma insieme i cambiamenti e le difficoltà si possono affrontare ed è possibile creare maggiore comprensione, e dunque maggiore coesione, sul territorio”.

Infine, le testimonianze del responsabile dell’Auser di Rubiera – “dove la metà dei richiedenti asilo dopo il volontariato ha trovato un’occupazione” – e di un giovane profugo del Gambia impegnato come volontario a Palazzo Magnani.  

Nel dettaglio, dei 435 richiedenti asilo coinvolti in progetti di cittadinanza attiva 189 lo hanno fatto attraverso la convenzione con l’Auser, 9 attraverso l’Albo comunale del volontariato e 237 attraverso  44 associazioni o enti di varia natura (centri sociali, biblioteche, parrocchie, centri per anziani, polisportive, pro-loco, associazioni culturali o di assistenza).

RC