Home > Costume > Balletto Classico, allievi internazionali scelgono Reggio Emilia

Balletto Classico, allievi internazionali scelgono Reggio Emilia

Non è solo l’insegnamento rigoroso della tecnica, nè solo l’importanza che diamo all’aspetto artistico e al nostro programma aperto ad offrire la più ampia conoscenza delle nuove tecniche contemporanee… oltre a tutto questo il nostro insegnamento della danza mira alla persona del giovane allievo e alla formazione del suo carattere, perché è uno studio lungo e molto faticoso, ed è qui che i giovani vanno sostenuti e motivati facendo StefanescuGroriStafaCasolariscoprire loro i vari aspetti di questa affascinante professione”. Sono le parole di Elena Casolari, Nicoletta Stefanescu, Rezart Stafa e Dorian Grori, giovani Direttori del Nuovo Balletto Classico, la prestigiosa scuola di Reggio Emilia fondata dai loro maestri Liliana Cosi e Marinel Stefanescu, 40 anni fa e famosa in tutto il mondo per l’alta professionalità sotto i più diversi aspetti.

Una scuola formativa a 360 gradi che sforna non solo artisti, ma uomini e donne che portano con sé un background fatto di percorsi scolastici di successo, regole, valori, sacrifici, allenamenti quotidiani e tournée apprezzate dal pubblico.

A giugno lo spettacolo di fine anno al teatro Ariosto, con la consegna di 10 diplomi, ha soddisfatto allievi, genitori e maestri, dando slancio ad una serie di attività per i giovani, come il Corso estivo che ha avuto una straordinaria partecipazione da parte di ragazzi e ragazze provenienti da tutte le regioni italiane, grazie ad un intenso programma giornaliero per ragazzi di ogni età.

Compagnia Balletto Classico Liliana Cosi - Marinel StefanescuQuest’anno il Nuovo Balletto Classico gestirà un nuovo convitto sito in Via San Rocco, in centro storico, per facilitare la frequenza delle allieve non residenti a Reggio Emilia.

La scuola, alla quale si accede a seguito di un esame di ammissione, è suddivisa in nove corsi di studio per ragazzi e ragazze dai 9 anni ai 19 con diverse materie d’insegnamento che vanno dalla danza classica alle lezioni di punte, per le ragazze, lezioni il repertorio, di passo a due, di danza di carattere, di danza contemporanea, di Pilates e altri brevi percorsi di approfondimenti sulla teoria della danza e della musica.

Ma non è tutto. Quest’anno i corsi -che sono iniziati in questi giorni- si arricchiranno della collaborazione di una nuova insegnante in grado di passare ai giovani la famosa tecnica del grande coreografo francese Maurice Béjart.

Reggio Emilia continua ad ospitare giovani provenienti da tutto il mondo che scelgono di vivere e studiare nella nostra città per poter essere formati da una scuola che continua a portare nel proprio dna gli insegnamenti dei maestri Liliana Cosi e Marinel Stefanescu, artisti che attraverso la danza artistica incantarono anche il Papa.

Marina Bortolani, @reggionelweb