Home > Regione > Provincia > Segreteria Pd, Costa verso la riconferma

Segreteria Pd, Costa verso la riconferma

La direzione provinciale del Partito Democratico ha siglato gli accordi in vista del congresso che si celebrerà in ottobre. Orlandiani e renziani hanno raggiunto un punto di incontro. Pare (il condizionale è d’obbligo) che siano definitivamente terminate le guerriglie interne che facevano presagire un congresso tutt’altro che tranquillo.

In un primo momento i sostenitori reggiani di Matteo Renzi, forti del risultato ottenuto alle scorse primarie, speravano in un segretario espressione della loro corrente. Ma all’interno mancava l’unità. Da una parte infatti c’era chi proponeva in nome del sindaco di Boretto Massimo Gazza e dall’altra quello del sindaco di Quattro Castella Andrea Tagliavini. Una crepa interna che, rispetto all’unità degli orlandiani (ndr, che alla fine hanno digerito il rospetto dell’astensione di Costa alla primarie), ha portato a siglare accordi congiunti per lo svolgimento di un congresso unitario.

Unità e innovazione sono state la parole chiave che hanno fatto da minimo comune denominatore. La proposta ufficiale del nome di Costa è stata presentata in direzione dal presidente della provincia Giammaria Manghi alla quale è seguita l’unanimità dei consensi.

E’ definitivamente tramontata quindi anche l’ipotesi paventata nell’ultima settimana di un segretario in grado di raccogliere un ampio consenso (ndr, era stato fatto il nome di Maino Marchi) accettando una regola sulla quale però si sarebbero opposti i vertici del comitato dei garanti, ovvero l’incompatibilità fra il ruolo di segretario provinciale e la candidatura a qualsiasi competizione amministrativa.

Rimane solo una piccola incognita: alcuni accordi in vista del congresso si trovano in una sorta di “limbo”, essendo ancora da definire nel dettaglio. Saranno in grado gli orlandiani di garantirli? Pacta sunt servanda. Intanto si mantenga un patto certo: Andrea Costa (unico) candidato alla segreteria del Pd.

@reggionelweb