Home > Economia > Coopservice, crescono fatturato e occupazione

Coopservice, crescono fatturato e occupazione

Bilancio positivo per il colosso Coopservice che ha sede a Reggio Emilia ed è fra i principali operatori italiani nella fornitura di servizi alle imprese e alle comunità.

Nel 2016 la cooperativa ha generato circa 2 milioni di euro di benefici per i soci, tra cui 568 mila euro a remunerazione del capitale sociale (ad un tasso del 4%) e 424 mila euro per le attività sociali.

Coopservice1.06Parlando di cifre nel dettaglio, il fatturato è stato di 459 milioni di euro (+4,4%), il personale ha raggiunto le 13.718 unità (+3,3%), di cui 5.533 soci. Il patrimonio netto della cooperativa sfiora i 100 milioni di euro. L’utile netto è stato di 2.030.545 euro destinato a rafforzamento del patrimonio indivisibile della cooperativa e al fondo di riserva. Visto il positivo andamento della gestione, ha inoltre assegnato ai soci un ristorno per complessivi 800 mila euro.

Coopservice, inoltre, ha ulteriormente potenziato le proprie attività di welfare aziendale, con il lancio di un nuovo fondo di solidarietà, attivo da quest’anno e finanziato con 200 mila euro, per aiutare i soci che si trovano ad affrontare situazioni particolarmente critiche; uno strumento integrativo sia rispetto a quanto previsto dai contratti di lavoro, sia rispetto alle ulteriori politiche per i soci sviluppate dalla cooperativa.

Ma non è tutto: nel 2016 sono state assegnate 35 borse di studio a studenti figli di soci che frequentano le superiori o l’università ed erogati contributi per le spese dei centri estivi dei figli di soci.

“Un incremento del fatturato del 4,4% è un dato di cui andare orgogliosi, soprattutto perché è il frutto di una crescita omogenea tra tutte le linee di business, anche di quelle che hanno risentito della contrazione della domanda e delle politiche di spending review della pubblica amministrazione – dichiara Roberto Olivi (nella foto), Presidente di Coopservice – I risultati conseguiti sono conformi alle indicazioni contenute nel piano industriale 2015-2017, con cui ci siamo dati l’obiettivo di raggiungere un riequilibrio dei ricavi tra le diverse linee, privilegiando le attività a più alto valore aggiunto, e una minore dipendenza dalla committenza pubblica a favore di quella privata. Il nostro vero punto di forza – aggiunge Olivi – sono i soci e i dipendenti. Sono loro il filo rosso che lega all’oggi i successi nati dalla brillante intuizione di 25 anni fa, cioè far nascere una cooperativa mettendo assieme servizi di natura diversa. La capacità di fare impresa in modo integrato e di progettare e proporre al mercato servizi complessi sono sicuramente tra i fattori principali del successo della formula Coopservice”.

@reggionelweb