Home > Costume > Carcere di Reggio, l’assistenza medica dei detenuti costa 5 milioni

Carcere di Reggio, l’assistenza medica dei detenuti costa 5 milioni

Dal rapporto 2016 sulle condizioni di salute in carcere in Emilia Romagna (fonte Regione Emilia Romagna) emerge che nel carcere di Reggio Emilia al 31 dicembre 2015 è equilibrato il rapporto fra numero di detenuti presenti (188) e numero di posti che può contenere (200).

Fra gli aspetti importanti all’interno della struttura penitenziaria, l’assistenza sanitaria dei detenuti. Mediamente coloro che ne hanno fatto ricorso hanno età compresa entro 45 anni e quasi tutti uomini (97%). Di questi la maggior parte, ovvero il 45%, ha meno di 35 anni, mentre il 60% dei detenuti del carcere assistiti dai sanitari è di origine straniera.

Per curare i pazienti detenuti presso la struttura penitenziaria di Reggio Emilia nel 2015 sono stati spesi circa 5 milioni e mezzo di euro, di questi 3 milioni e mezzo sono arrivati dal Fondo nazionale specificatamente dedicato, mentre i restanti 2 milioni dal fondo sanitario regionale. Complessivamente la Regione ha investito nel medesimo anno 17 milioni di euro per curare i detenuti dei carceri presenti nelle diverse città.DottoreMedicoVisita

Ma quali sono i motivi per cui i detenuti-pazienti del carcere di Reggio Emilia si sono rivolti a medici o infermieri?

Quasi tutti hanno effettuato test inerenti le malattie infettive, quali Hiv, tubercolosi, epatite B ed epatite C, test a seguito dai quali sono state necessarie le cure specifiche. Ma ci sono anche altre ragioni di ricorso alle cure mediche, sebbene in percentuale minore, quali ad esempio problematiche psicologiche, sovrappeso e disturbi cardiaci.

L’assistenza sanitaria in carcere viene garantita a 360 gradi e il paziente detenuto può sempre fare affidamento sulla professionalità e assistenza sanitaria degli specialisti presenti nella struttura penitenziaria reggiana.

@reggionelweb