Home > Costume > La condizione femminile a Reggio. Brunch Culturale Caritas. #Foto

La condizione femminile a Reggio. Brunch Culturale Caritas. #Foto

Presso il negozio di Nuovamente in città, le ragazze e i ragazzi in Servizio Civile presso la Caritas di Reggio Emilia hanno realizzato un “Brunch Culturale”. Varcando le soglie del negozio, fra mobili e oggettistica, donne dalle diverse provenienze culturali avevano apparecchiato un invitante banchetto con ottimi prodotti etnici, dolci e salati, preparati dalle stesse.

dav

Il “piatto” forte però, con tanto di scritta augurale “Buon appetito!” era una cosa insolita: volantini disposti a cerchio in due lingue diverse descrivevano con chiarezza la condizione femminile a Reggio Emilia di cui riportiamo alcuni stralci (leggi qui e qui per consultare il volantino integralmente). Le donne a Reggio rappresentano il 51% della popolazione, con un’età media di 44 anni. Il numero delle imprese femminili registrate nella provincia di Reggio al 31 dicembre 2016 era di 9.763. In Italia alcuni settori del mercato del lavoro sono riservati specificatamente alle donne straniere perchè più sfruttabili e ricattabili, ad esempio, molte lavoratrici dell’Este Europa vengono spesso assunte in nero per fare le badanti e/o collaboratrici domestiche.

Per quanto riguarda la famiglia, oltre alle coppie coniugate con figli, che restano la principale tipologia di famiglia, si sono aggiunte le coppie di fatto, i genitori soli ed altre tipologie familiari, in particolare sono in aumento le famiglie monogenitoriali e monopersonali.

Secondo i dati dell’UNHCR, il numero delle persone arrivate in Italia via mare sono state al 31 dicembre scorso 181.436. A Reggio Emilia le donne straniere regolarmente residenti sono 14.634, provenienti in particolare da: Ucraina, Moldavia, Romania, Nigeria, Cina e Marocco.

La stragrande maggioranza delle donne richiedenti asilo è stata vittima di tratta a fini sfruttamento sessuale dopo esser state vendute dai loro parenti ai trafficanti.

In Italia il 31,5% delle donne ha subito nella vita violenza fisica e/o sessuale. A Reggio Emilia l’associazione Nondasola ha accolto nel 2015 all’interno della propria struttura protetta 337 donne, prevalentemente italiane che svolgono professioni diverse: casalinga, libera professionista, dirigente (leggi qui l’intervista alla Presidente dell’Associazione Nondasola).

La Caritas, attraverso Nuovamente, garantisce un servizio prezioso alle donne in difficoltà e alle vittime della tratta, dando loro l’opportunità di una vita nuova: “Fanno tirocini formativi e poi lavorano qui insieme a noi”, spiega Francesca Bertolini, responsabile del progetto Nuovamente. “Nuovamente non è solo oggettistica in vendita per beneficienza, ma sono anche le donne laboriose qui presenti, con una loro storia alle spalle, con la loro dignità e tanto da dare alla comunità che li ospita”.

dav“Il Brunch Culturale è un’occasione per far conoscere la condizione femminile a Reggio Emilia -evidenzia Francesca-, ma anche per far sapere al mondo imprenditoriale fuori da questo contesto che ci sono donne formate attraverso tirocini (ndr, in particolare nel settore cibo, vestiario e cucito) disponibili per occupazioni anche relative a brevi periodi”.

Il Brunch prosegue, i partecipanti gustano con piacere i piatti tipici preparati dalle donne e si confrontano con loro, chi per conoscere la storia che hanno alle spalle, chi il paese di provenienza e chi per strappare il segreto di una ricetta, come il “Budin de pan”, ottimo dolce argentino preparato da Norma (nella foto qui a fianco a sinistra): “E’ semplice, ti spiego volentieri come si fa, oltretutto gli ingredienti costano poco (ndr, uova, pane, latte e zucchero)”, spiega la donna evidenziando con orgoglio di avere la stessa provenienza, Buones Aires, di Papa Francesco. Lo spirito del Papa-amico, che abbraccia con amore il mondo partendo dai più deboli e che non si sottrae ai selfie di chi ha fatto migliaia di chilometri per raggiungerlo a Roma, aleggia anche durante il brunch. E’ una chiesa solidale, vicina agli ultimi, che li prende per mano e li aiuta in un percorso di salvezza.

Marina Bortolani, @reggionelweb